Scandiano

LOGO_COMUNI&DINTORNI_LIVE.png

CHRISTMAS IN LOVE

A SCANDIANO

 

Orlando e Angelica sono due alberi.
Un acero campestre lui, una quercia piramidale lei.
Sono cresciuti insieme in un vivaio e hanno messo radici profonde nella robusta terra scandianese.
Inseparabili, hanno affrontato insieme il caldo africano e il freddo polare, l'aria frizzante della primavera, l'atmosfera malinconica dell'autunnno scandianese fino a che, cresciuti, sono stati separati.

Lui, Orlando, ha preso la via di Scandiano.
Lei, la bella Angelica, è finita ad Arceto.
Nessuna lacrima ma qualcuno giura di aver sentito Orlando sussurrare

"Io non mi posso dal cor dipartireLa dolce vista del viso sereno,Perch’io mi sento senza lei morire,E il spirto a poco a poco venir meno".Eppure il destino, si sa, segue strade impervie.E così Orlando e Angelica sono diventati gli alberi di Natale scelti dall'amministrazione comunale, senza foglie, spogli, a rappresentare il rispetto per le specie autoctone e il naturale ritmo delle stagioni.Troverete Orlando in Piazza Primo Maggio a Scandiano e Angelica in Piazza Pighini ad ArcetoSono i simboli di un Natale anomalo, di un Natale silenzioso ma sostenibile e... innamorato.Pare qualcuno si stia già chiedendo... Si incontreranno ancora?Forse un giorno, magari in un parco.Ma questa è un'altra storia

LA ROCCA DEL BOIARDO

La Rocca dei Boiardo di Scandiano, nel territorio di Reggio Emilia, risale al XII secolo ma incanta perché convivono all'esterno e all'interno diversi stili: medioevale, rinascimentale, barocco e moderno. Per questo rappresenta l'evoluzione dell'identità del centro storico e della cittadina.
Monumento di grande valore storico e culturale, il maniero fu fatto costruire dalla nobile famiglia dei Da Fogliano e prende il nome dalla famiglia Boiardo che l'abitò dal 1423 per 137 anni. Costruita inizialmente come luogo di difesa, fu per questo dotata di cinta muraria, fossato con annesso ponte levatoio e torri di vedetta. Qui dimorarono non solo i Da Fogliano ed i Boiardo ma successivamente, per alcuni periodi, anche i Thiene, i Bentivoglio, gli Este.

Le stanze al piano terra, risalenti al periodo cinquecentesco, formano il cosiddetto appartamento estense modificato nella sua veste attuale agli inizi del Settecento dai marchesi d'Este: qui si susseguono in tutta la loro bellezza la Sala del Camino, in stile rococò; la Stanza del Drappo denominata così per un drappo che circonda la volta del cielo del soffitto; la Sala delle Aquile, del Festone e quella dell'Alcova. Uscendo dall'appartamento si attraversa un breve tratto del cortile interno e si arriva al monumentale scalone, opera dell'architetto Giovan Battista Aleotti, detto l'Argenta.
A sinistra dello scalone si trova una porta che conduce ai sotterranei del castello, sede delle vecchie prigioni.

Da vedere nel percorso di visita: il Salone d'onore che custodisce il dipinto di Niccolò dell'Abate; la Sala dell'alcova al piano terra, parte dell'Appartamento Estense, considerata la sala dei matrimoni; l'Appartamento Estense 6 stanze vuote (Sala dei Gigli, Sala del Camino, Sala del Drappo, Sala dell'Alcova, Sala delle Aquile, Sala del Festone.

CORTILE: è un'area vuota con una superficie complessiva di circa 646 mq. Nel periodo estivo viene solitamente allestita con palco e sedute.
GIARDINI: è un'area molto grande all'aperto, una porzione di tale area denominata "il Gelso” non è accessibile, la restante parte è divisa in un'area lastricata "Portico dell'Aleotti” e "Passerella e Scala del Bastione”, un giardino alto "Giardini del Bastione” e i giardini bassi.

Scandiano, una delle cittadine reggiane più importanti dopo il capoluogo, è situata a metà strada tra Reggio Emilia e Modena. Nello sforzo di promozione e valorizzazione del proprio patrimonio storico e monumentale, l'Amministrazione Comunale di Scandiano ha previsto un ampio periodo di apertura della Rocca di Scandiano con possibilità di visite guidate. Il Comune di Scandiano con la Rocca dei Boiardo è entrato a fare parte da settembre 2020 del portale dei Castelli del Ducato.

ORARI
Apertura della Rocca dei Boiardo:
i turni di visita (MAX 10 persone - Protocollo Covid-19) sono i seguenti:
mattino: 10.15 -11,30
pomeriggio: 15,15 - 17,45

Uso della mascherina obbligatorio durante tutto il percorso di visita.
INGRESSI
Percorso completo di visita
Adulti: Euro 3,00
Ingresso gratuito per bambini e ragazzi fino a 15 anni
Ingresso gratuito over 65 anni
Alla Rocca dei Boiardo non sono ammessi cani

Comuni&Dintornilive by Eventigraf S.r.l.