Villa Minozzo

LOGO_COMUNI&DINTORNI_LIVE.png

IL NATALE E LE TRADIZIONI PIU’ BELLE
Tradizioni del Nord

 

PIEMONTE – Il Natale è celebrato attraverso le rappresentazioni di presepi, che per l’occasione vengono esposti al pubblico, I “Pastour” (I Pastori), è la messa in scena dell’adorazione popolare di Gesù, recitata in dialetto alessandrino, mescola il sacro e il profano con riferimenti alla realtà contemporanea con scherzi e battute dei protagonisti.

LIGURIA – La tradizione resta il Ceppo di Natale. A Genova, anticamente, il ceppo veniva donato al Doge, che versava sul tronco vino e confetti tra la gioia dei presenti. Adesso il rito viene parzialmente ricreato nelle singole case. Inoltre non mancano i consueti concerti natalizi, infatti per tutto il periodo la musica si fa per strada, anche i mercatini di Natale.

LOMBARDIA – Natale vuol dire Panettone. Esso prende il nome da un certo Toni, garzone di fornaio che decide di arricchire il pane con ingredienti come burro, uova, zucchero, uvetta e frutta candita. Secondo le tradizioni della regione non possono mancare, i mercatini e le bancarelle che animano le vie della città per tutto il mese di Dicembre con oggetti di artigianato e addobbi per l’albero, in particolare a Livigno, dove in tutte le case restano accese le candele, proprio come vogliono le tradizioni.

VENETO – Risale al Medioevo la ricorrenza di Santa Lucia, portata avanti ancora oggi con manifestazioni che culminano con i tradizionale banchetti in piazza Bra, il tutto reso suggestivo dalla stella cometa d’acciaio che esce dall’Arena di Verona. A Venezia inoltre, ci sono i mercatini di Natale in Laguna che fanno da sfondo alla tradizione e da luogo di incontro.

EMILIA ROMAGNA – La tradizione è l’albero decorato e il presepe con i Re Magi che partono da lontano e arrivano per l’Epifania. In ogni città le piazze si riempiono di mercati con prodotti tipici tra cui il torrone artigianale e le vie del paese si animano si giocolieri e saltimbanchi.

Comuni&Dintornilive by Eventigraf S.r.l.